spot_img
spot_img
martedì, 31 Gennaio 2023

Chirico: “Da Sabatini castronerie sulla Juve”

Condividi

Sabatini, considerato (quasi) all’unanimità uno dei migliori DS del calcio italiano, stavolta l’ha sparata grossa.

“Bisognerebbe anche accorgersi quando spara una cavolata. Anche grossa. Tipo quella detta durante la sua ultima intervista ai media, dove ha dichiarato di ritenersi defraudato dalla Juventus, perché, mentre a Torino facevano ciò che oggi Procura subalpina e Consob le stanno contestando sui bilanci, lui perse un campionato con la Roma, totalizzando la bellezza di 87 punti”, ha ricordato Marcello Chirico tra le colonne de Il Bianconero.

In sintesi, ha spiegato il giornalista di fede bianconera “quelli fregavano con le plusvalenze, e noi ci rimettevamo. Detto da uno che, per anni, è stato soprannominato il Re delle plusvalenze. La sua specialità era appunto quella di scovare giovani talenti e rivenderli poi a cifre iperboliche”.

Però a detta di Sabatini “Il marcio è sempre altrove, quasi sempre lassù in Savoia. Dimenticando , tra le altre cose, di essere stato squalificato e aver scampato la radiazione grazia ad una irrituale “conciliazione privata” per, appunto, una sospetta trattativa su un giovanissimo calciatore ivoriano”.

Chirico ha poi spiegato che la “castroneria di Sabatini sta nelle date, che non combaciano. Lui cita il campionato 2016/17, quello in cui la Roma si classificò seconda alle spalle appunto della Juventus, ma la contabilità juventina di quella stagione non è mai finita sotto indagine (anche perché in attivo): gli inquirenti piemontesi hanno messo sotto la propria lente d’ingrandimento soltanto i rendiconti finanziari delle ultime tre stagioni, dal 2019 in poi, e non quello citato da Sabatini”.

Il quale, per altro, lasciò il club capitolino già nell’ottobre del 2016. Può quindi vantarsi di avere costruito la rosa giallorossa di quella stagione, ma non di aver perso uno scudetto, non facendo di fatto più parte del club”.

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie