spot_img
spot_img
giovedì, 9 Febbraio 2023

Chirico: “Sembrerebbe che lo scopo ultimo della Procura sia quello di colpire la Famiglia Agnelli attraverso la Juventus”

Condividi

Marcello Chirico prova a spiegare qual’è il vero obbiettivo della Procura di Torino nei confronti della Juventus.

Il giornalista parla di “quindici faldoni. Una roba tipo la Treccani. Sono quelli riguardanti l’inchiesta Prisma che indaga sui conti della Juventus dal 2018 al 2021. Dentro quei volumi c’è di tutto: intercettazioni, verbali, citazioni, memorie difensive, consulenze tecniche. E forse anche altre cose che non sono ancora emerse, e che magari non attengono solo ed esclusivamente ai bilanci della società bianconera”.

Subito l’allarme del giornalista: “Sembra davvero che l’intenzione della magistratura subalpina non sia soltanto quella di vederci chiaro sull’amministrazione contabile del club, ma anche su altro. Che lo scopo ultimo sia quello di colpire la Famiglia e, in prima persona, Andrea Agnelli attraverso la Juventus”.

Secondo il giornalista di fede bianconera, lo si deduce da alcuni particolari: “la pervicacia della Procura di Torino nell’avviare indagini a getto continuo nei confronti dell’ormai ex presidente Juventus, e i metodi d’inchiesta utilizzati”.

Perché “quando per un’indagine finanziaria non sono sufficienti le scrupolose analisi dei documenti contabili, ma si ricorre oltre a quelle telefoniche persino alle intercettazioni ambientali nei luoghi frequentati a Torino da presidente, dirigenti, amministratori e legali della Juventus, significa che stavolta non si vuole fallire il colpo, che si desidera colpire e affondare in pieno il bersaglio, servendosi delle stesse metodologie utilizzate per incastrare i criminali mafiosi (abitudine un po’ troppo abusata ultimamente dalla magistratura in genere)”.

Altrimenti “non si spiega il ricorso alle cimici piazzate persino nei ristoranti, quasi ci trovassimo di fronte alla Spectre”.

Dunque. qual è il vero obiettivo dei pm torinesi: fare chiarezza sui conti della Juventus, oppure incriminare Andrea Agnelli, danneggiare la Famiglia, e insieme a loro distruggere il club bianconero?

La risposta di Chirico non lascia dubbi: “Dall’esterno, e da ciò che a spizzichi e bocconi emerge dall’inchiesta, l’impressione è che da parte della Procura sia stata messa in atto dal 2016 un’autentica caccia all’uomo, dagli esiti del tutto imprevedibili”.

Elkann lo ha capito e – per cercare di salvaguardare l’immagine della famiglia e del gruppo Exor e provare ad evitare danni pesanti alla Juventus – non ha voluto seguire il cugino nello scontro a muso duro con le istituzioni giudiziarie e ha azzerato il cda. Di fatto, abbandonando Andrea al suo destino”.

Fonte: Il Bianconero

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie