martedì, 4 Ottobre 2022

Inchiesta Juve, il magistrato-tifoso del Napoli Morello: “Conosco colleghi molto bravi nella Procura di Torino”

Condividi

Tullio Morello, magistrato e tifoso del Napoli nonché ex membro dell’ufficio indagini FIGC, è intervenuto a Radio Punto Nuovo, nel corso di Punto Nuovo Sport Show, per spiegare agli utenti l’inchiesta sui conti della Juventus legata all’indagine della procura sugli stipendi della Juve.

Ovviamente le sue parole hanno fatto il giro del web sui siti napoletani. È bene premettere che in un vecchio articolo, il Corriere del Mezzogiorno, scrisse questo del magistrato: “Tullio Morello, giudice del tribunale di Napoli, tifoso che non salta neppure una partita allo stadio…”.

Stipendi Juve: Qua è intervenuta la procura della Repubblica e quando succede bisogna aspettare l’esito delle indagini. Speriamo che accertino se ci sono stati dei reati o meno, l’auspicio è che si faccia luce sugli avvenimenti”, le prime parole del magistrato.

Purtroppo negli ultimi anni la giustizia sportiva non ha fatto al meglio il suo lavoro. Poi per quanto riguarda penalizzazioni sarà tutto da vedere, anche in base al passato. Per ora siamo in una fase preliminare dell’indagine e non possiamo capire se c’è colpa o meno”.

Si passa poi all’esame farsa di Suarez: “Relativamente al comportamento di Suarez ci si attendeva qualcosa in più, quella grida vendetta sportivamente”.

Tornando all’indagine attuale Tullio Morello non ha dubbi: “C’è una procura di Torino molto seria che fa le indagini, conosco colleghi molto bravi che stanno lavorando alla situazione attuale”.

Le perquisizioni sono avvenute di mattina e la notizia è stata data a perquisizioni terminate, sono stati bravi a evitare la fuga di notizie. Ci auguriamo ovviamente che tutto sia in regola”, conclude Morello.

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie