martedì, 5 Luglio 2022

Serra, l’arbitro di Milan-Spezia racconta tutto in esclusiva su Sky Sport: “Speriamo non la butti dentro…Rebic? Pensavo volesse strangolarmi”

Condividi

A SkySport24 parla in esclusiva Marco Serra, l’arbitro protagonista del convulso finale di Milan-Spezia, con il gol del 2-1 dei rossoneri reso vano dalla mancata applicazione del vantaggio a favore dei padroni di casa.

Il fischietto torinese ha raccontato nei dettagli la dinamica dell’errore, a cui ha fatto seguito l’incredulità al momento del successivo gol dello Spezia.

Nella mia testa c’è stato un errore di priorità, mi concentro su Rebic e Bastoni e penso che se lo tocca è fallo, non può non fare fallo in quella situazione. Concentrandomi su quello mi perdo lo scenario completo e mi dimentico di Messias che sta tirando in porta. Ricordo di aver pensato ‘speriamo che non la butti dentro'”, ha confessato il fischietto torinese.

E sul faccia a faccia con Rebic: “Penso che si sia avvicinato per strangolarmi, poi ha capito che errare è umano, che sarà capitato anche a lui di sbagliare un gol a porta vuota. Credo che tanti di noi avrebbero avuto la stessa identica reazione”.

Infine l’arbitro Serra ha speso belle parole per il comportamento di Ibra, Florenzi e Calabria tenuto dai tre nel dopo partita di San Siro:

“Credo di aver detto ‘non ci credo’ all’auricolare. Negli spogliatoi poi mi è passato accanto Florenzi ed era affranto come me, passa Calabria che era il capitano e tutti gli altri: mi sostengono, mi dicono che tutti sbagliano e di andare avanti. Ibra mi ha detto di essere forte e di reagire, mi ha fatto molto piacere e credo che il gesto sia stato apprezzato”, ha raccontato Serra a Sky.

Ha parlato poi anche il presidente dell’Aia Trentalange:

“Ho trovato un uomo ferito ma maturo e motivato. Noi arbitri sappiamo che spesso dobbiamo trasformare i problemi in risorse, ci ha fatto molto piacere la reazione del Milan”.

Fonte: Sky Sport

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie