Kean potrebbe essere davvero più prezioso per la Juve di quanto può sembrare

1099

Moise Kean potrebbe essere davvero più prezioso per la Juve di quanto può sembrare adesso. È convinto di ciò Alessandro Vocalelli.

Ma di questo è convinta evidentemente anche la Juventus che ha ricordato (nel comunicato ufficiale diramato sui social) alcune statistiche inerenti il giovane attaccante bianconero.

Moise, nella stagione 2017/18 va a Verona, dove segna 4 reti in campionato e dopo un altro anno a Torino saluta la Juve alla fine della stagione 2018/19, in cui gioca 13 partite e segna sei gol in campionato e uno in Coppa Italia.

Kean “se ne va con quattro trofei vinti, due Scudetti, una Supercoppa Italiana e una Coppa Italia e la sensazione che sia soltanto l’inizio”.

Dopo un’annata all’Everton, nell’ultima stagione milita nel Paris Saint-Germain e continua a mettere in mostra le sue doti:

Sono ben 17 le sue reti, fra Ligue1 (13), Coupe de France e Champions League (3 in questa competizione). Per spiegare meglio, è il secondo giocatore più giovane a raggiungere la doppia cifra di gol nei top-5 cinque campionati europei, dietro solo a Erling Haaland. In Francia, inoltre, alza anche una Supercoppa e una Coppa nazionale.

C’è sicuramente un motivo di interesse per vederlo all’opera. Alla fin dei conti stiamo parlando di un giocatore, valutato 38 milioni.