Moggi: “Psg crea squadre di stelle ma senza senso. Messi? Buon attore dalle lacrime di coccodrillo”

1296

L’ex direttore generale della Juventus Luciano Moggi, ha commentato attraverso le colonne di Libero, il passaggio di Leo Messi dal Barcellona al Psg.

Spiccano queste parole:

“Per questi signori il campo è come un teatro dove chi recita meglio prende gli applausi relegando a comprimari il resto della squadra”.

Con questi concetti è sempre venuta fuori una compagine che diverte il pubblico ma anche gli avversari, ad esempio il Psg, incapace di vincere l’ultima Ligue1 (secondo addirittura dietro al Lille) e sempre deluso in Champions”.

Moggi non può non commentare il pianto di Messi che ha detto in conferenza: «Mi dispiace lasciare una squadra dove sono arrivato da bambino».

Viene spontaneo pensare che Messi non sia voluto restare a Barcellona perché sarebbe stato fin troppo facile rendere felici dirigenti, tifosi e anche se stesso: bastava dimezzare lo stipendio del passato. In compenso un buon attore… pianto quindi di coccodrillo?”