Bertoni torna sullo scudetto 1982: “Decisioni arbitrali molto strane. Trasformai lo slogan ‘meglio ladri che secondi’”

1225

Il 1982 è rimasto impresso nei tifosi viola perché è stato l’anno in cui la Fiorentina ha visto sfumare lo scudetto sul filo di lana, all’ultima giornata di campionato. Un sogno infranto in una stagione in cui la Fiorentina era stata accreditata come la principale avversaria della Juventus campione d’Italia.

Quel 16 maggio Fiorentina e Juventus si giocarono il campionato affrontando, in trasferta, Cagliari e Catanzaro, a seguito della quale lo scudetto imboccò la via per Torino e i bianconeri si cucirono sul petto la seconda stella. Un sogno svanito che un amareggiato Antognoni, negli spogliatoi aveva così commentato: “Ci hanno rubato il titolo”.

A tornare sullo scudetto sfiorato, l’ex attaccante della Fiorentina Daniel Bertoni, che a passionedelcalcio.it ha commentato: “Rimpiango di non aver mai vinto uno scudetto. Nel 1982 le decisioni arbitrali furono molto strane, io non feci assolutamente fallo al portiere del Cagliari in occasione del gol annullato a Graziani, quindi la Fiorentina doveva andare sullo zero a uno”.

Bertoni ha aggiunto: “Lo slogan a Firenze fu ‘meglio secondi che ladri’ riferito alla Juve, io lo trasformai in ‘meglio ladri che secondi’, avevo troppa rabbia!”.