Briatore: “La Juve con Allegri avrebbe continuato a vincere”

224

Sembra oramai scontato il destino di Andrea Pirlo sulla panchina della Juventus: l’attuale tecnico bianconero saluterà la Vecchia Signora quasi certamente a fine anno. È convinto di questo anche Flavio Briatore, manager e tifoso bianconero:

«Avevamo una squadra che vinceva, magari non giocava così bene, non era calcio champagne, ma almeno vinceva. Hanno cambiato tutto, hanno preso Sarri che tutti sapevamo non fosse adeguato per la Juve e poi hanno chiamato Pirlo, una scommessa: è come dare una Ferrari come prima macchina in mano a uno che ha solo il foglio rosa. In campo era un punto di riferimento, in panchina no», spiega Briatore senza peli sulla lingua.

Il famoso imprenditore e dirigente sportivo si sfoga ai microfoni de La Politica nel Pallone, la trasmissione condotta da Emilio Mancuso, in onda ogni lunedì su Gr Rai Parlamento a cui ha partecipato anche direttore di Tuttosport Xavier Jacobelli:

«C’è stato un errore di valutazione, non me l’aspettavo. È dall’inizio del campionato che non vinciamo contro squadre molto inferiori a noi, abbiamo giocatori importanti ma non abbiamo un centrocampo».

Infine secondo Briatore, questa «È la conseguenza di scelte sbagliate come quella dell’allenatore e del modo in cui si sono comportati con Allegri. Quella squadra lì con qualche inserimento avrebbe potuto continuare a vincere, ma hanno voluto cambiare tutto e questo è il risultato»