Inter nei guai: BC Partners si tira indietro. Suning cerca 250 milioni per scongiurare il peggio

1057

Da settimane il gruppo Suning, proprietario dell’Inter, è al lavoro per trovare degli investitori che attraverso un prestito ponte possano coprire la mancanza di liquidità e far sì allo stesso tempo che il presidente nerazzurro Steven Zhang possa traghettare il club sino a fine stagione quando con molta probabilità Suning cederà il club.

Tra gli investitori interessati ad acquisire il pacchetto di maggioranza BC Partners. Ma proprio poche ore fa il giornalista Ben Jacobs su Twitter, ha scritto su Twitter che BC Partners avrebbe deciso di lasciare il tavolo delle trattative: non sarebbe più interessato nel club.

Ci sarebbe una distanza di 300 milioni di euro tra domanda e offerta. Nessun interesse da parte loro per una quota di minoranza.

Per questo motivo Suning sarebbe in una posizione di estrema difficoltà in quanto alla società nerazzurra servirebbero almeno 200 milioni di euro (che secondo alcuni sarebbero 250 milioni di euro) da qui a maggio.

Questo il tweet del giornalista:

“Aggiornamento acquisizione Inter. Mi è stato detto che BC Partners non lavorerà più attivamente all’acquisizione. Le parti, sono a circa 300 milioni di distanza nella valutazione. BC non è interessato alla quota di minoranza. Questo lascia Suning in una posizione difficile poiché ha urgentemente bisogno di capitale (almeno € 200m. Alcuni dicono che sono necessari 250 m tra oggi e maggio)”.