Llorente: “Aspetterei a dire che la Juve è alla fine di un ciclo: conosco quell’ambiente, non vanno mai dati per morti”

183

L’ex attaccante della Juventus, Fernando Llorente, nel corso di un’intervista a TuttoSport ha anche parlato della sua ex squadra, nella quale avrebbe avuto piacere di tornare: “A gennaio si è parlato molto di un mio ritorno alla Juventus, forse ci hanno pensato davvero ma alla fine non si è concretizzato nulla. Mi sarebbe piaciuto giocare con Cristiano Ronaldo che è uno dei più grandi giocatori della storia, e del Pirlo compagno di squadra ho bellissimi ricordi. Ma sarei stato felice di tornare alla Juve perché resta una parte del mio cuore. Lì ho vissuto i migliori anni della mia carriera e ho vinto 5 titoli“.

Llorente ha così commentato il lavoro sulla panchina bianconera di Andrea Pirlo: “Sta allenando la Juve in un periodo di cambiamento nel quale ci sono delle difficoltà, ma sia Morata che altri ex compagni, che sento spesso, sono tutti molto contenti di quello che sta facendo. Magari i risultati non sono quelli sperati, ma parlano tutti bene di Pirlo“.

“Conoscendo Conte, però, difficilmente penso che l’Inter si faccia sfuggire lo scudetto – ha aggiunto Llorente -. Staremo a vedere, il campionato è ancora aperto e mancano tante partite. La Juve ha fatto qualcosa di irripetibile dominando la Serie A per 9 anni, e adesso aspetterei a dire che è alla fine di un ciclo: conosco quell’ambiente, non vanno mai dati per morti“.

L’ex bianconero ha poi parlato di Morata: Alvaro sta facendo una grande stagione, anche se con qualche acciacco e il virus che lo ha frenato. Alla Juve sta benissimo e la società dovrebbe ripartire da lui. In futuro può essere ancora più importante di quanto non lo sia già ora, Torino è l’ideale per lui”.

In merito alle critiche piovute addosso a Cristiano Ronaldo a seguito dell’eliminazione Champions, Llorente ha commentato: “Ok le critiche per l’eliminazione dalla Champions, ma credo sia da pazzi discuterlo. I numeri parlano per lui, con CR7 in campo si parte sempre dall’1-0 e può dare esperienza e tanto altro alla squadra“.