Scontro Agnelli-Conte, Ravezzani: “È una lite tra juventini”

293

La Juventus ha portato a casa l’accesso alla finale di Coppa Italia, ma più della sua vittoria contro l’Inter, a tenere banco in queste ore è l’acceso scontro tra il presidente bianconero Andrea Agnelli e l’allenatore nerazzurro Antonio Conte.

In merito alla vicenda è intervenuto il giornalista Fabio Ravezzani che su Twitter ha commentato:

“C’è l’immagine del dito medio di Conte sollevato al rientro negli spogliatoi dopo il primo tempo. Direi che non è il caso accusi gli altri di scarsa educazione. Cose di campo, lasciamo perdere i falsi moralismi. E chiudiamola qui”.

“Troppo divertente questa storia dello scontro Conte-Agnelli. Sono aggallate tensioni e rabbie accumulate negli anni e a stento represse. Nemmeno Rocky e Ivan Drago si detestavano tanto. Aspetto fiducioso e impaziente nuove puntate”.

Divertente questa ricostruzione. Conte da 2 anni sarebbe infamato da panchina e dirigenti Juve senza un motivo e ieri, esausto, avrebbe mostrato il dito medio. Ricordo che arbitro e quarto uomo in questo caso hanno pieno potere di intervenire“.

Non mi convince la ricostruzione di Conte vittima di reiterati insulti da panchina e dirigenza bianconera. Intanto perché arbitro e Quarto uomo potevano intervenire. E poi di fronte a un atteggiamento tanto vergognoso anche Alessandro Antinelli e collega avrebbero detto qualcosa”.

“Comunque la giri, la sintesi dello scontro Conte-Agnelli é che si tratta di una lite tra juventini“.