Juve, poesia di Zampini dedicata ai tifosi giallorossi che gridano a “Er solito complotto”

337

Dopo Juventus-Roma, il giornalista di Juventibus Massimo Zampini ha pubblicato una poesia dedicata ai tifosi di fede giallorossa che gridano a “Er solito complotto”.

Zampini titola la poesia, “Amo fatto la partita”. Questo il testo proposto dal giornalista di fede bianconera:

Dopo avenne perse 10 – j’amo preso le misure – l’anno scorso tre pallini! – E ‘n pensa’ alle’ sfumature

Ch’hanno vinto ‘o scudetto – giusto 5 giorni prima – e che stavano ‘n vacanza – dai, m’abbatti l’autostima!

Soffrivamo solo ‘r tifo – ma ora che nun ce sta più – amo smesso de fa schifo – e amo rotto sto tabù!

Su, l’allena ‘n’esordiente – poi hanno preso dei ragazzi – co’ Ronardo ch’è finito – oh, me paiono Tafazzi!

Già all’andata li sfonnamo – dai, due a uno, ‘n’espursione – ma Ronardo svetta ‘n mezzo – e ce infila quer pallone!

So’ deluso, erano ‘n dieci – su, la sfida era finita – e voresti consolamme – “dai, amo fatto la partita!”

Al ritorno devo vince – co’ lo stadio tutto voto – e a parti’ dar lunedì – tremo come ‘n teremoto!

Pure senza Pellegrini – c’è quer mago de Villar – e ar posto d’Edin Dzeko – segna Borja Mayoral!

Dominamo, ch’emozione! – Mamma quanto so’ spavardo! – Loro solo contropiede – oh, chiudete su Ronardo!

Stamo sotto, n’artra vorta – segna sempre quer bollito – ma attaccamo solo noi – semo belli, so’ corpito!

Che spettacolo de gioco – co’ la Roma ch’imperversa – oh, chiudete su Ronardo! – Quello pija ‘na traversa…

Sto a vede’ ‘na cosa grave – ma ce so’ ‘n po’ abituato – quello ride, guarda ‘r porso – cor cronometro de Orsato.

Ecco, questi so d’accordo – nun c’è scampo ‘n quello stadio – domattina me scateno – chiamo ‘n po’ tutte le radio!

Er complotto è tutto chiaro – chissà quante ne vedrò – oh, me devi da’ rigore – quello è fallo de Rabiot!

Ma che bella questa squadra – io co’ lei nun so mai mogio – manco se c’è la vergogna – del rigore e l’orologio!

Palleggiamo da paura – devo di’ che so’ncantato – ce sta solo quer dettajo – che ‘n ce piace ‘r risultato…

Questi stanno tutti dietro – Daje, stanno ner terore! – Sì, ma qui tocca tiraje – so’ passate già due ore!

E me prennono ‘n parola – co’ la Juve ch’ormai è morta – finarmente tira Ibanez – sì, ma nella nostra porta…

Attaccamo pure dopo – famo entrare pure Dzeko – ma ner carcio se nun tiri – sto palleggio è ‘n po’ ‘no spreco…

All’ennesimo passaggio – all’ennesimo fraseggio – ora perdo la pazienza – e je urlo anche de peggio:

me so’ rotto de sto gioco! – Der possesso nun me importa – che ce faccio cor dominio – se nun faccio ‘n tiro ‘n porta?

Io volevo fa’ li punti – me so’ rotto dell’elogio – come posso lamentamme – de Ronardo e l’orologio?

So’ncaxxato mentre vedo – a partita ormai finita quell’amico che me dice: – “Dai, amo fatto la partita!”

Dopo dodici partite – devo di’ che n’ho abbastanza – dentro quello stadio vinco – solo se stanno ‘n vacanza…