Claudio Marchisio: “Il DNA della Juve è sempre lo stesso: vincere. Non avevo dubbi sulla reazione dopo la sconfitta con l’Inter”

41

Nel corso di un’intervista a tuttomercatoweb, l’ex centrocampista bianconero Claudio Marchisio è anche tornato sulla sconfitta rimediata della Juventus contro l’Inter in campionato, che avrebbe potuto minare la sicurezza della rosa di Andrea Pirlo, ma che invece ha permesso ai bianconeri di ripartire con maggiore determinazione.

Il commento di Marchisio: Il DNA della Juve è sempre lo stesso: vincere. È una squadra fatta di grandi campioni e grandi persone, non avevo dubbi sulla reazione dopo quella sconfitta. Quando hai giocatori di un certo spessore, rialzarsi dopo un passo falso è fin più semplice. Le motivazioni vengono da sole”.

Il Principino ha poi commentato le figure di Buffon e Chiellini: “Le loro prestazioni parlano per loro. Hanno una tale tranquillità e sicurezza che ancora oggi sono due elementi importantissimi. In certi casi la carta d’identità è soltanto un numero…”.

E ha poi continuato commentando l’assetto del centrocampo formato da Arthur, Bentancur e McKennie: “Sicuramente stanno facendo bene, ma la Juve ha tante carte nel proprio mazzo e soprattutto vanta una rosa molto profonda. McKennie è un giocatore di grande atletismo, in grado di dare intensità alla squadra. Lotta, combatte su ogni pallone ed è forte anche in interdizione. Deve ancora crescere tecnicamente, ma la strada è tracciata…”.

Pirlo stima molto Ramsey – ha continuato il Principino, che non è il classico trequartista ma è in grado di fare da collante tra attacco e centrocampo. Il gallese è un giocatore dotato di grande intelligenza tattica. E non dimenticherei nemmeno Rabiot, ha potenzialità inespresse e sa far bene le due fasi. Pirlo può aiutarlo tantissimo nella sua crescita”.

Marchisio ha poi commentato la difficile situazione di Paulo Dybala: Paulo è un ragazzo con delle qualità straordinarie e con un talento cristallino. Il mio consiglio è di continuare a lavorare duro, come ha sempre fatto. Non dimentichiamoci che parliamo del giocatore forse più decisivo nella passata stagione, ma nel calcio spesso si danno giudizi frettolosi, sull’onda di un paio di prestazioni. È difficile ipotizzare un tridente, ma per un allenatore questi sono finti problemi. Quando c’è abbondanza di talento, una soluzione si trova sempre“.

In merito ad un suo possibile futuro all’interno della società bianconera, Marchisio ha commentato: La Juventus è sempre nel mio cuore, prima di tutto sono un grande tifoso bianconero e la seguo sempre con affetto assoluto. Nella vita mai dire mai”.