Pirlo: “Ho parlato con Arthur. Preferisce giocare più avanzato lasciando compiti difensivi ad altri e lo fa al meglio”

1829

Andrea Pirlo ha commentato la vittoria della sua Juve sul Bologna ai microfoni di DAZN:

Era importante dare intensità. Lo abbiamo fatto bene nel primo tempo dove abbiamo avuto tante occasioni che, se non sfrutti, lasci la partita in bilico. Il Bologna ha giocato bene, pressandoci alti, ma siamo stati bravi a sfruttare gli spazi che ci lasciavano”.

Arthur? Abbiamo parlato. Preferisce giocare più avanzato lasciando compiti difensivi ad altri e lo fa al meglio. Gioca bene, quando iniziamo la costruzione del gioco è sempre nel posto giusto, ci dà i tempi adatti per uscire dalla pressione delle altre squadre, tiene bene palla…”, ha detto molto soddisfato Pirlo.

E poi ancora sul Napol: “Era importante vincere la Supercoppa per dimostrare che non eravamo quelli di San Siro. Ci siamo ricompattati, abbiamo visto dove avevamo sbagliato sapendo che siamo forti e il destino dipende solo da noi”.

Morata? “Avevamo deciso di metterlo per avere più peso in fase offensiva, avendo giocatori che potessero sfruttare gli spazi che si aprivano. Alvaro è stato molto utile nelle ripartenze”.

E a proposito delle ripartenze che la Juve continua a subire:

Normale voler avere sempre il dominio del gioco, ma lavoriamo ogni giorno su questo cercando di fare bene le preventive. A volte escono bene, altre no e questo non deve succedere. Quando porti tanti giocatori in avanti normale che rischi qualcosa. Oggi abbiamo fatto una ventina di tiri e siamo arrabbiati per non aver chiuso la gara nel primo tempo.

Chiellini e Szczesny? “Giorgio è stato un rientro importante, era da tanto che non faceva quattro partite di fila. Non ha avuto problemi e questo è positivo. Szczesny è un portiere bravo e importante, che sa farsi trovare pronto quando serve”