Sentenza CONI su Juve-Napoli, Vocalelli: “Quale credibilità resta alla Federcalcio?”

77

Il giornalista Alessandro Vocalelli su la Gazzetta dello Sport ha commentato la recente decisione del Collegio di Garanzia dello Sport del CONI, che ha disposto di calendarizzare la partita Juventus-Napoli, non disputata a Torino lo scorso 4 ottobre a causa dell’assenza dei partenopei.

Il commento di Vocalelli:

Quale credibilità resta dei due primi gradi di giudizio della Federcalcio? Una cosa infatti è correggere, attenuare, una sentenza; un’altra – senza entrare nel merito – è stravolgerla completamente. Si può almeno dire che, dal 14 ottobre a oggi, si sono persi settanta giorni? E poi: Juventus-Napoli che attualmente non ha una data, e probabilmente slitterà a maggio, restituisce al campionato un’immagine – diciamo così – di affidabilità? Due squadre di vertice non sapranno per l’intero campionato qual è la loro reale classifica e di conseguenza non lo sapranno neanche le concorrenti dirette, magari per lo scudetto o la Champions League. Per dirla banalmente: se affronto, in uno scontro diretto, una rivale con due punti di meno, posso anche giocarmela per il pareggio. Salvo scoprire più avanti che quella era una gara da vincere a tutti i costi.

Senza contare che è stato così sconfessato non soltanto l’indirizzo della Federazione – a proposito del protocollo – ma anche il concetto di solidarietà con cui si era partiti a settembre. E adesso chi ripagherà le società che sono andate a giocare partite in estrema emergenza soltanto perché in quel caso la Asl non si è mossa o non è stata interpellata?

E se alla luce di questo precedente – comunque “indiscutibile” – adesso qualcuno invocasse la stessa prudenza, dove si troverebbero date disponibili in un programma tanto affollato? Insomma, ed è il risultato meno evidente, un fronte comunque si è rotto e non è il caso di dire che ci siano effettivamente vincitori e sconfitti. Anzi, è stato ufficialmente battuto – e forse mai così sonoramente – soltanto chi ha redatto le due precedenti sentenze.

Qualcuno si rende conto di che cosa è successo? Non è una partita che da 2-0 finisce 2-4, ma un risultato che sconfessa clamorosamente i due organi giudicanti precedenti“.