sabato, 22 Giugno 2024

Caso Suarez, Chirico: “La Juve non credo possa rischiare qualcosa. Vederla penalizzata è speranza di tanti ma destinata a restare tale”

Condividi

spot_imgspot_img

La nuova nota della Procura di Perugia ha riacceso i riflettori sul caso Suarez e sulla Juventus, con la presenza di suoi tre dirigenti tra gli indagati, tra cui Fabio Paratici. La società bianconera, attraverso un comunicato ufficiale, ha difeso l’operato del suo direttore sportivo.

A commentare il caso Suarez anche il giornalista Marcello Chirico che su ilbianconero.com ha scritto:

“Dopo mesi di silenzio, vuoi anche per il necessario stop imposto (seppur con ritardo) dal procuratore di Perugia Cantone alle fughe di notizie, torna d’attualità il caso Suarez. Quello dell’esame farsa d’italiano sostenuto dal giocatore uruguagio per l’ottenimento del passaporto italiano, con la possibilità di essere poi tesserato dalla Juventus. La novità – attesa con trepidazione da milioni di antijuventini (compreso purtroppo qualche collega, taluni pure illustri) – è il coinvolgimento nelle indagini di Paratici e forse altri manager bianconeri, esclusi in un primo momento dall’inchiesta. E c’è ovviamente chi spera già in squalifiche, penalizzazioni e radiazioni, con inevitabili effetti sulla stagione in corso. […]

A Paratici viene contestata la “falsa testimonianza” davanti al PM. In quale occasione non si sa, poiché nessuno era a conoscenza di una sua convocazione in Procura. Molto probabilmente l’avrebbe fatta attraverso gli avvocati del club, Chiappero e Turco, quando vennero ascoltati a Perugia. In quell’occasione avrebbe negato di aver chiesto una via preferenziale al Viminale, mentre ai giudici perugini risulta essersi rivolto alla ministra De Micheli, sua amica d’infanzia, proprio per velocizzare la pratica Suarez.

Un’accusa, quella rivolta al CFO Juve, per la quale vengono chiesti fino a 4 anni di pena. Non credo avverrà in questo caso, considerato che non c’è di mezzo un assassinio bensì la semplice richiesta di cittadinanza per un calciatore extracomunitario.

La Juventus – intesa come squadra – non credo possa rischiare qualcosa, e per un semplice ma logico motivo: Suarez non ha disputato con la maglia bianconera nemmeno un’amichevole. Il club non si è quindi avvalso dei suoi servigi professionali per ottenere vantaggi tecnici sul campo, non capisco quindi in ragione di cosa dovrebbe rischiare dei punti di penalizzazione in campionato, così come in Champions. Comprendo la speranza di tanti, ma mi pare destinata a restare tale.

Resta da capire se le pressioni esercitate per l’ottenimento di quel passaporto-speedy siano state accompagnate da atti di corruzione oppure no. Perché chiedere un piacere è lecito, pagarlo per ottenerlo per forza no. La Procura perugina, mi pare, stia indagando proprio su questo aspetto. Ai plotoni di giustizialisti radunatisi in queste ore sul web è sufficiente la sola richiesta di un favore per spedire qualcuno alla gogna, ma in un Paese civile – seppur popolato da molti incivili – non avviene così.

Detto ciò, non do per scontato nulla, e aspetto di capire come si siano realmente svolti i fatti. Dovessero emergere elementi che inchioderanno Paratici o altri dirigenti della Juventus alle loro responsabilità, non mi sottrarrò dal biasimare il loro comportamento. Già in precedenti articoli su questo argomento avevo stigmatizzato la superficialità e il pressapochismo con i quali era stato affrontato alla Juve questa vicenda Suarez, prendendomi un’inevitabile dose di improperi da parte di numerosi tifosi juventini.

Resto ugualmente dell’idea che il caso Suarez sia stato gestito molto male alla Continassa, già in sede di mercato: non puoi puntare su un giocatore extracomunitario dopo aver esaurito tutti i possibili slot nelle liste di tesseramento, essendo stato pure acquistato lo statunitense McKennie qualche settimana prima che si liberasse l’uruguagio dal Barça. Conoscendo le lungaggini della burocrazia italiana, normale che poi Paratici o altri possano aver pensato a qualche scorciatoia per ”italianizzarlo”. Credo, e mi auguro, in modo lecito.

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie