sabato, 22 Giugno 2024

Pirlo: “So quello che faccio, a Dybala gli ripeto tutti i giorni dove deve giocare”

Condividi

spot_imgspot_img

Andrea Pirlo, presenta in conferenza stampa, la sfida di Champions League tra Juventus e Dynamo Kiev.

Non credo di aver detto cose così forti dopo Benevento. Frasi di circostanza su quello che ho visto, su quello che hanno detto anche i ragazzi. Bisogna avere più voglia di raggiungere il risultato, con le unghie, pure se sei a Benevento in vantaggio. Gestire la partita. Lo sappiamo tutti e l’abbiamo analizzato. Non sono stato duro, è un dato di fatto”.

L’allenatore bianconero ribadisce di non essere “assolutamente preoccupato, non è un peccato di gioventù. E’ un peccato non averla vinta, dovevamo chiuderla nel primo tempo e non abbiamo sfruttato le occasioni. Nel secondo tempo loro si sono chiusi bene e siamo stati poco dinamici per andare al gol. Può capitare, abbiamo analizzato la gara e cercheremo di rimediare agli errori”.

E su Dybala: “Lui gioca vicino all’attaccante, l’indole è abbassarsi per cercare di toccare più palloni senza avere l’uomo attaccato alle spalle”.

Gli ripeto tutti i giorni che deve giocare in certi tipi di spazi per essere libero di trovare la giocata vincente. Al di là della metà campo deve giocare facile, non perdersi a toccare palla. Essere lucido per stare vicino all’attaccante, così fa sì che le sue qualità diventino importanti”.

Pirlo ribadisce di non essere “soddisfatto al massimo, volevo avere più continuità di risultati. E’ normale, siamo una squadra nuova, tecnico nuovo e calcio diverso. Senza preparazione, un po’ di tempo era normale, per meccanizzare i movimenti e per la conoscenza dei giocatori. Ma sono sicuro che i calciatori mi seguono, sanno cosa devono fare. E non mi preoccupo”.

“Quando non vinci, ci sono problemi. Quando vinci, sei bravo. E’ sempre stato così nella storia del calcio. Sono abituato a questo, so cosa sto facendo. Solo il tempo potrà dire”.

Infine sulla formazione che scenderà in campo contro la Dinamo, Pirlo anticipa che Dybala partirà dalla panchina perché “Morata è squalificato in campionato, Dybala ha fatto una partita importante e allora per non rischiare di perdere qualche giocatore è meglio che Alvaro giochi domani e Dybala si prepari per il derby”. Conclusione: zero tridente.

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie