Avv. Chiacchio: “Credo che la Corte Federale, in secondo grado, accoglierà il ricorso del Napoli”

26

L’avvocato ed esperto di diritto sportivo, Edoardo Chiacchio, ai microfoni di Radio Punto Nuovo ha commentato la sentenza del Giudice Sportivo, Gerardo Mastrandrea, che in merito alla mancata sfida Juventus-Napoli ha deciso per il 3-0 a tavolino, oltre ad 1 punto di penalizzazione in classifica per il Napoli.

Una decisione che ha portato Aurelio De Laurentiis a presentare ricorso alla Corte Sportiva d’Appello della FIGC, presieduta da Piero Sandulli, finito nelle scorse ore al centro di una bufera a causa della frase: “Spero si trovi una soluzione, con il protocollo e tutto, perché non bisogna lasciare che la classifica venga scritta dal Covid“. 

Il commento dell’avvocato Chiacchio:

“Il professor Sandulli ha esperienza ed è fondamentale nella giustizia sportiva, speriamo di averlo sempre tra i giudici, che dia torto o ragione. La sua esperienza, la sua saggezza giuridica è un patrimonio della giustizia sportiva, a mio avviso un’eventuale ricusazione sarebbe una vergogna.

Non è un giudice che subisce pressioni, ha una forza che deriva dalla perfetta conoscenza delle norme che niente e nessuno può far minimamente traballare. Credo che la Corte Federale, in secondo grado, accoglierà il ricorso del Napoli in modo da mettere fine a questa vicenda.

La Lega non ha titolo per essere presente nella vicenda, è un elemento terzo e non può costituirsi dinanzi alla Corte Federale d’appello. Neppure la Juventus credo che lo vorrà.

Ricorso? Il Giudice spiega perché lo ritiene inammissibile. Si tratta di fatti molto delicati. Io avrei cercato di evitare l’inammissibilità perché è il peggior risultato che possa ottenere un avvocato. Al Giudice Mastrandrea riconosco saggezza ed esperienza, ma devo riconoscere anche che ha superato l’inammissibilità nel momento in cui respinge il ricorso e consente di riporlo in secondo grado. La forza maggiore, chiarissima in questo caso, che dà una disposizione prescrittiva è la fine di ogni contesa ed ogni discorso. Con la nota dell’ASL il Napoli non poteva scendere in campo a Torino“.