Chirico: “Troppi riguardi per il Napoli. ADL rischia di passarla liscia. Sarà mica raccomandato?”

39

Il direttore de Il Bianconero Marcello Chirico ha scritto un nuovo editoriale riferito alla disputa tra Juventus e Napoli. Le sue parole:

“Possibile ogni qual volta capiti qualcosa che coinvolga il club partenopeo la questione si trasformi spesso in un caso politico nazionale?”

Il giornalista cita ad esempio i cori e striscioni: “se li cantano o li espongono i tifosi napoletani (contro Pessotto, sul povero Fortunato) non accade nulla, al massimo ci si limita a stigmatizzare l’accaduto e tutto si esaurisce lì, al contrario, se quelli presi di mira sono proprio i napoletani, succede il finimondo”. Si mobilità cioè un intero movimento popolare alludendo all’antimeridionalismo, e alla discriminazione sociale.

Passando invece al caso del giorno, quello relativo al recente Juve-Napoli il giornalista fa notare come “molte squadre, in questo periodo, hanno a che fare con problemi legati al covid, eppure si allenano e giocano lo stesso. Solo una squadra si è rifiutata di scendere in campo, ed è stato appunto il Napoli”.

Divieto – sostengono – impostogli dalle Asl, come poi confermato dallo stesso; E a fianco del club si sono subito schierate truppe cammellate composte da parlamentari, ministri, giuristi, docenti universitari, medici, infettivologi, giornalisti. Di tutto e di più, mancava solo Mattarella. Insomma, guai a toccare il Napoli!”

Forte di questo, Adl & co. chiedono ora non solo il rinvio della partita ma non accettano nemmeno un’eventuale penalizzazione in classifica, raccogliendo su questo la solidarietà dell’intellighenzia di cui sopra. Pure i rumors percepiti dalle parti di via Rossellini porterebbero in questa direzione”.

Il giornalista denuncia anche  “il dileggio nei confronti di Agnelli e della Juventus, colpevoli di non aver accettato un compromesso quando glielo propose Adl, altrettanto per non aver rispettato le leggi dello Stato (???) ed aver pure mandato in campo quella sera la squadra per una pantomima senza senso. In sostanza, se rispetti le regole vieni considerato un fesso”.

“Cosa c’è dietro tutta questa cautela, questa paura a decidere? Sembra quasi non lo possa fare in libertà, temendo chissà quali terribili conseguenze. Chiedo: vi sembra una situazione normale ed accettabile? Inter e Milan contano, al momento, 8 positivi al coronavirus, eppure il derby lo disputeranno, a meno che i contagi non aumentino esponenzialmente; il Napoli, con solo 2 positivi, non ha voluto salire a Torino per giocare con la Juventus, e rischia di passarla liscia. Diciamo pure, di ottenere tutto ciò che vuole. Dobbiamo davvero pensare che il Napoli goda di qualche raccomandazione?”, chiede Chirico.