venerdì, 14 Giugno 2024

Lino Banfi: “Dybala mi ricorda Aristoteles”

Condividi

spot_imgspot_img

Lino Banfi, il popolare attore, ha presentato il suo nuovo libro “Siamo tutti allenatori nel pallone”, edito da Biblioteka.

A tal proposito Banfi non poteva non parlare di calcio in un’intervista a Leggo:

“Chi mi ricorda Aristoteles? Dybala, ma solo perché ha lo stesso sguardo malinconico e dolce. Poi però in campo è un fuoriclasse”.

E un tipo alla Canà? “Antonio Conte è pugliese, arrabbiato e focoso in panchina, proprio come Canà. Però lui allena l’Inter; io allenavo solo la Longobarda”.

Un consiglio agli allenatori di serie A? Fonseca mi sta simpatico, quando parla mi ricorda Aristoteles, ma in panchina sembra imbalsamato. Ma perché? Mi piacerebbe cantargli la ninna nanna come facevo con Aristoteles: “Fonsè Fonsè, sognà sognà. E speriamo che domenica la Roma vincerà…. Gli altri big? Inzaghi è un grande, continuerà a fare bene con la Lazio. Però, secondo me quando Lotito gli parla in latino dice di sì anche se non capisce nulla”.

E sull’allenatore della Juventus, Lino Banfi chiude con un altra battuta: “Pirlo speriamo che parli almeno nello spogliatoio, è giovane e la Juve è forte. Anche Pioli è bravo, però, ha un’aria così malinconica. Mi ricorda Crisantemi”.

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie