Andrea Agnelli: “Ronaldo e i dirigenti restano”. Su Sarri: “ci prendiamo qualche giorno per decidere”. Esonero a un passo

54

Il presidente della Juventus Andrea Agnelli è intervenuto ai microfoni di Sky Sport subito dopo l’eliminazione dei bianconeri dalla Champions League.

Ecco le sue parole:

“Il bilancio quest’anno è agrodolce. È stata una stagione difficilissima, come ho avuto modo di dire, abbiamo ottenuto un grande risultato col nono campionato”, ha esordito il presidente.

Su Sarri: “È arrivato dalle categorie più basse fino alla vetta d’Italia. La pagina scritta da Maurizio Sarri è stata storica in Italia. In Champions è deludente per noi, per i giocatori, per i tifosi”.

“Se prima avevamo un sogno, ora abbiamo un obiettivo ed è la Champions League. Uscire in questo modo ci deve lasciare delusi”.

Poi la frase che sa di sentenza per l’allenatore bianconero: “Ci prenderemo qualche giorno, faremo valutazioni complessive, con un rinnovato entusiasmo. Con o senza l’allenatore? Certo: la Juventus ha questi obiettivi da onorare, in casa e all’estero”.

Con riferimento a Ronaldo: Abbiamo il migliore della storia della Champions. Dobbiamo ripartire con rinnovato entusiasmo, senza, però, dare per scontato che si vinca in Italia. Cristiano è un pilastro della Juventus “

E ancora, ribadisce Agnelli: “Dovremo fare le valutazioni su come ritrovare questo entusiasmo che ci deve portare ad affrontare l’inizio della prossima stagione con voglia di fare, voglia di giocare e voglia di vincere in tutti i campi, e questa riflessione vale a 360°. Mi è capitato di sentire più volte che abbiamo una delle rose più vecchie d’Europa, quindi questo può essere un elemento di riflessione”.

Qualche giorno fa ho fatto dei complimenti a Nedved, Paratici e Cherubini per come hanno saputo gestire un anno come questo, non possiamo fraintendere le parole che ho detto qualche giorno fa, ribadisco i complimenti e la stima verso il gruppo dirigente, un gruppo dirigente che è estremamente affiatato e che assieme continuerà a perseguire obiettivi che in questo momento devono essere perseguiti dalla Juventus”