22 luglio 1947, Giovanni Agnelli viene eletto Presidente della Juventus

97

Il 22 luglio del 1947 il giovane 26enne Giovanni Agnelli diventava il presidente della Juventus.

Un giorno rimasto nella storia della Vecchia Signora, per via dell’impronta indelebile che l’Avvocato è riuscito a lasciare nella Juve fino al 1954, anno in cui ha lasciato la carica.

Dopo aver lasciato la presidenza, Agnelli è comunque rimasto legato ai colori bianconeri, svolgendo diverse attività dirigenziali in qualità di presidente onorario, con cui ha potuto mantenere la sua influenza fino al 1994, anno in cui ha passato le consegne al fratello Umberto.

Gianni Agnelli, scomparso il 24 gennaio 2003, è stato un presidente apprezzato da tutti, indimenticabile per stile ed eleganza.

L’Avvocato ha fatto la storia della Juventus, in una vita ricca di successi nello sport, ma anche nell’industria e nell’imprenditoria, principale azionista e amministratore al vertice della FIAT, nonché senatore a vita.

Nel corso dei 48 anni della sua vita in bianconero, l’Avvocato ha conquistato 23 trofei ufficiali, diventando uno dei personaggi più significativi della storia dello sport.

La sua è stata una grande passione per la Vecchia Signora, che è diventata la sua seconda compagna della vita.