Collovati: “Un’opportunità come quella di quest’anno, l’Inter non la ritroverà nelle prossime stagioni. Può solo mangiarsi le mani e fare il mea culpa”

44

Ai microfoni di Radio Radio, l’ex giocatore Fulvio Collovati ha commentato l’attuale finale di questa stagione anomala ma senza dubbio interessante.

Collovati si è concentrato prevalentemente sui risultati ottenuti dall’Inter:

“Questa è un’Inter, anche se la partita con la Spal non fa testo per la debolezza dell’avversario, che non molla. La Roma è vero che si è ripresa ultimamente, ma non è che stia benissimo. Io non farei molto affidamento, se fossi uno juventino, di Roma-Inter.
La Juventus deve vincere con la Lazio e basta.

“L’Inter è seconda in classifica, non può essere un lavoro negativo. Qualcuno, dopo i punti persi con Sassuolo, Bologna e Verona, parlava di fallimento, però i conti si fanno alla fine.

Conte è un personaggio che stressa un po’, nel senso che pretende il massimo dai propri giocatori. Ogni tre giorni chiaramente a volte c’è la tendenza, a livello fisico e mentale, a rilassarsi. Io parlo da ex giocatore; le briglie devono essere un po’ più sciolte, non si può sempre essere tirati al massimo.

La differenza tra Inter e Juventus si nota non solo dagli scontri diretti ma, come detto prima, dal rendimento recente. L’Inter ha fatto 2 punti in 3 partite.
La Juventus invece ha 10 punti in meno rispetto alla scorsa stagione, quindi questa Inter può solo mangiarsi le mani, può solo recitare il mea culpa in questo momento.

Un’opportunità come quella di quest’anno, con una Juventus così problematica a centrocampo e in difesa, difficilmente la ritroverà nelle prossime stagioni“.