Andrea Bosco su de Ligt: “Solo i babbei potevano sostenere che non è il miglior centrale difensivo del mondo”

114

Il giornalista Andrea Bosco, ai microfoni di Radio Bianconera ha commentato la semifinale di Coppa Italia tra Juventus e Milan, che ha visto i bianconeri assicurarsi la finale di mercoledì prossimo in cui sfiderà il Napoli.

Le parole di Andrea Bosco:

“Contro il Milan abbiamo visto alcune buone cose, poche, un bel giro palla per 30’, pressing alto che non ha prodotto niente.

Io ho una mia idea. Se trovi una squadra che ha 10 uomini dietro la linea della palla e tu attacchi con 7-8 uomini è difficile che trovi spazio, è inevitabile. Io arretrerei un po’ il baricentro, invogliando gli avversari a uscire e colpendo di rimessa, questo mi hanno sempre insegnato.

Contro il Napoli sarà una finale difficile per due motivi: l’inerzia dell’entusiasmo è dalla parte del Napoli e poi gli azzurri hanno una condizione migliore avendo molti giocatori brevilinei rispetto alla Juventus che ha calciatori strutturalmente più pesanti.

La gara contro il Milan ha dimostrato che la condizione di Ronaldo non è ottimale, visto come si è fatto rimontare da Romagnoli.

Anche Douglas Costa mi è parso un po’ imballato, visto che Conti lo ha contenuto bene.

Quanto a de Ligt, solo i babbei potevano sostenere che non è il miglior centrale difensivo del mondo, adesso e anche in prospettiva. Forse solo Van Dijk può competere, ma non siamo tanto distanti. Io in de Ligt ho stima e fiducia incondizionata, allo stesso modo invoco l’acquisto di Tonali“.