Chiellini sulla Lazio: “Si goda questo momento, non sarà eterno”

819

Nel corso di un’intervista a il Corriere della Sera, il capitano dei bianconeri Giorgio Chiellini, ha parlato di molti argomenti, compresa la tanto attesa ripresa del calcio italiano e la conseguenza lotta per lo scudetto.

Chiellini ha così commentato la ripartenza:

“A inizio maggio sono diventato molto ottimista, anche se quando siamo rientrati a Torino abbiamo avvertito la sensazione di vivere in una città fantasma, senza certezze, la paura di mettere il naso fuori e fare casa-campo. Dal 18, quando hanno riaperto l’Italia, non ho avuto più dubbi.

Anzi, uno lo conservo ancora. La speranza di tutti noi è che venga tolta la quarantena. Le cose sono cambiate radicalmente, a metà maggio si potevano chiedere delle cose, a inizio giugno anche, ma il venti giugno no. Devono togliere questo ostacolo.

Il positivo può realisticamente saltar fuori, ci sono mille persone intorno a una squadra, ma altrettanto realisticamente si deve proseguire, la malattia ha un’evoluzione incoraggiante. Certo diventa difficile decidere. La speranza è che ci permettano di completare la stagione“.

Il capitano bianconero ha poi commentato la lotta per lo scudetto di questa anomala stagione:

“Perché tutti danno l’Inter per morta? Conoscendo l’allenatore e i giocatori, non la trascurerei, in un mini campionato matto, 9 punti sono niente. E se batte la Samp in casa i punti scendono a 6.

Certo, la Lazio sta facendo un percorso bellissimo. Ha acquisito la concretezza e l’equilibrio difensivo che le mancavano, davanti ha sempre fatto paura, attacca benissimo, ricordo un 6-1 alla Samp. Alberto, Milinkovic e Ciro sono poesia.

Si godano questo momento, ma non sarà eterno“.