lunedì, 4 Marzo 2024

Criminalità organizzata tra gli ultras di Inter e Mialn: Il racconto del il Fatto Quotidiano

Condividi

È il “Fatto Quotidiano” a raccontare di un caso di criminalità organizzata tra gli ultras di Inter e Milan.

Il caso di Vittorio Boiocchi, noto come lo “Zio” e capo della curva dell’Inter, assassinato il 29 ottobre 2022, ha portato alla luce una complessa situazione legata agli affari dello stadio Meazza.

Boiocchi, a parte gli equilibri criminali esistenti, è stato oggetto di dibattito riguardo alla possibilità di concedergli la pensione con un’indennità, considerata l’importanza finanziaria della curva dell’Inter. Questa storia è stata rivelata da Il Fatto Quotidiano.

Contemporaneamente, emergono tensioni nella curva Sud del Milan tra Francesco Lucci, reggente e fratello di Luca, e Giancarlo Lombardi, noto come Sandokan. Lombardi, nel 2006, aveva coordinato azioni per sciogliere la Fossa dei Leoni, diventando in seguito leader della Curva sud. Questi eventi sono stati oggetto di discussione tra maggio e luglio del 2022 in vari incontri e summit, il più notevole dei quali si è tenuto a Casa Milan durante la celebrazione del 19° scudetto rossonero.

La riunione aveva l’obiettivo di risolvere le tensioni e reintegrare Lombardi negli affari della Sud, ma il risultato fu che Lombardi non fu più benvenuto. Questo fatto è stato confermato da Luca Calajò e Alessandro Settecase in una successiva conversazione. Nel frattempo, si sviluppa uno screzio tra Grancini e Nazza, suggerendo che Calajò dovrebbe andare a cena con Lombardi.

Il successivo summit si tiene a viale Montenero e coinvolge diverse figure, tra cui i Calajò, un membro dell’allora direttivo dell’Inter, un ex pugile, e una figura siciliana legata a Cosa Nostra palermitana. Durante questa riunione, vengono discussi vari temi, tra cui l’indennità a Boiocchi e il passaggio della leadership di curva da Beretta a Boiocchi.

Tuttavia, la situazione non viene risolta, e la risposta di Boiocchi è attesa. Nel contesto di questi eventi, il 29 ottobre, Boiocchi viene assassinato. L’omicidio rimane irrisolto, e al momento né i Calajò né altri vicini alla curva Sud sono coinvolti in indagini. L’intera vicenda evidenzia le complesse dinamiche e tensioni all’interno del panorama delle curve nel calcio italiano.

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie