martedì, 27 Febbraio 2024

Allegri in conferenza: “Dire che vinceremo lo scudetto serve a voi giornalisti!”

Condividi

Alla vigilia della seconda partita di campionato tra Juventus e Bologna, ha parlato Massimiliano Allegri in conferenza stampa:

“Prima in casa? Importante partire bene, è la prima in casa che giochiamo davanti ai nostri tifosi. Ci daranno una mano. Siamo in attesa di giocare questa partita, lo stadio sarà pieno e dovremo essere bravi a trascinarli, giocando una bella partita”.

Su Kean: “Mai stato fuori rosa. Una volta in ritardo, ma capita a qualche giocatore, multa per la beneficienza. Non è successo niente. Ha avuto un vecchio colpo dove ha avuto una ricaduta. Domani è a disposizione. Sta bene. Sul mercato? Mancano 6 giorni alla chiusura. Dobbiamo pensare alla partita, credo che rimarremo questi, sono contento”.

Su Pogba: “Sta meglio, ha fatto una buona settimana di allenamento. Bel test mercoledì, intenso. Domani a completa disposizione, potrà essere utilizzato”.

Poi, il mister getta acqua sul fuoco: “C’è stato troppo entusiasmo dopo la prima partita. Che va bene. Ma siamo all’inizio. Abbiamo giocato una partita, domani subito ci sarà una bella prova. Contro un Bologna che gioca bene, ha giocatori bravi soprattutto nel reparto offensivo”.

Col Milan ha creato molto, 17 tiri. Se non l’affronti col piglio giusto, facendo un’ottima partita, difficilmente la porti a casa. Entusiasmo giusto, ma ci vuole calma. La normalità sarà abituarsi a tornare a vincere più partite possibili. Bisogna continuare a lavorare come stiamo facendo. Con voglia, cercando di migliorare le situazioni di squadra e singole”.

Non dico che le cose non sono andate molto bene negli ultimi due anni. Abbiamo una rosa diversa. Si corre molto, l’età si è abbassata e ogni anno, quando partiamo, do indicazioni a squadra e staff su come lavorare. In base alle caratteristiche che abbiamo”.

Bisogna cercare di avere una gestione della palla migliore, bisogna lavorarci. A Udine bella vittoria ma bisogna migliorare in tante cose. Bisogna stare calmi, tranquilli, non bisogna esaltarsi nelle vittorie né deprimersi nelle sconfitte. Bisogna valutare caratteristiche e miglioramenti della squadra, che ci sono stati e ci saranno. Dobbiamo trasformare il fatto che non giocheremo ogni 3 giorni in un’opportunità. L’opportunità qual è? Poter lavorare in settimana in modo diverso rispetto a quello a cui siamo abituati ormai da 12 anni, io da 14″

L’anno scorso la Juventus è arrivata terza in campionato con tutte le problematiche. Bisogna lavorare, si è abbassata l’età della squadra. Abbiamo giocatori giovani, con meno esperienza, bisogna cavalcare l’entusiasmo”.

Non bisogna portarci a strafare. Se andiamo dietro all’entusiasmo possiamo farci del male. Bisogna averlo ma ci vuole equilibrio. Siamo appena partiti, a cambiare giudizi ci vuole un attimo. Il calcio è bestiale. Serve lavorare con calma, consci che stiamo lavorando bene, siamo convinti. Proveremo a battere il Bologna e non sarà facile. Daranno fastidio a molti. Hanno fatto un ottimo mercato con giocatori davanti che sono molto bravi”.

MERCATO“Difficoltà in che senso? Quando si fanno delle valutazioni la squadra è ottima e ha margini di miglioramento. Guardiamola nel positivo. Ci sono giovani che possono migliorare e sarà di buon auspicio per la Juventus. Io come la società, come Giuntoli e Manna, sapevamo che quest’anno nella squadra c’era da fare poco”.

SQUADRA MIGLIORE – “Sarà migliore se miglioreremo l’anno scorso e vedremo i risultati a fine stagione. Dire vinceremo lo scudetto sono titoli che servono a voi, giustamente perché fate i giornalisti. Noi piedi per terra e pensiamo a lavorare, a domani, al Bologna, con tutte le insidie e le difficoltà che avremo. La qualità che deve contraddistinguerci è avere rispetto dell’avversario, sapere i propri limiti e lavorare per migliorarli, soprattutto correre. Un vecchio, grande ds mi diceva: nel calcio non è obbligatorio, ma aiuta. Su questo stiamo lavorando”.

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie