domenica, 19 Maggio 2024

L’ex magistrato Piero Calabrò: “-15 inflitto alla Juve al di fuori dei parametri previsti dalla legge. Se si applicherà il diritto questa sentenza dovrà essere annullata senza rinvio”

Condividi

spot_imgspot_img

L’ex magistrato Piero Calabrò si è espresso in maniera molto netta sulla penalizzazione subita dalla Juventus.

Queste le parole di Calabrò anche alla luce del ricorso della Juventus presso il Collegio di Garanzia dello sport del Coni:

“È fondamentale capire le motivazioni che hanno spinto la Juventus a formulare la richiesta di annullamento della sentenza. Sono tantissime e di varia natura, anche di merito, ovvero nella sostanza delle cose. Ma ce ne sono anche di tipo procedurale e processuale, a dimostrare che il giudizio per revocazione che ha poi determinato i 15 punti è stato fatto al di fuori dei parametri previsti dalla legge”.

Calabrò non ha dubbi: “Sono più i punti sui quali il Collegio di Garanzia dello Sport non potrà far finta di non vedere. Uno in particolare, che era stato sollevato prima ancora di conoscere le motivazioni, è che ora si parla di giustizia a orologeria: si pensi ad esempio alla squalifica di Mourinho per cui si è deciso poi di sospenderla. È la dimostrazione che si possono utilizzare i tempi che si vogliono: se si vuole motivare con l’urgenza per la ragione della competizione sportiva si fa, se invece si vuole prendere altro tempo ecco un’altra via…, come successo con altri tipi di plusvalenze, peraltro”.

Ma ciò che è ancora più incredibile secondo l’ex magistrato “è che il giudizio era già stato dato e per revocarlo si sarebbero dovuti presentare fatti nuovi. Bene, fatti nuovi non ce ne sono stati! La Procura federale sapeva già delle intercettazioni, ne avevano pubblicate i giornali come accade spesso in Italia, c’era stata una udienza per la richiesta di misura cautelare di alcuni soggetti, peraltro respinta. Non c’era nessuna novità”.

E ancora: Il Procuratore federale avrebbe potuto attendere senza nessuna fretta che fossero disvelate tutte le intercettazioni con il deposito degli atti per poi eventualmente incardinare un procedimento contro la Juve. Invece ha voluto anticipare i tempi senza ottenere la condanna dei bianconeri”.

“Poi dopo un po’ di mesi ha deciso che le intercettazioni sono fatti nuovi e che possono legittimare la revocazione, così la Corte d’Appello federale in modo secondo me erroneo gli è andata appresso. Questo è stato ben sottolineato dalla difesa della Juve. Anche perché di questo passo, se ogni tre mesi escono altre intercettazioni, non ci sarà mai una sentenza definitiva per cui si potrà revocare sempre quella precedente: è chiaro che così siamo completamente al di fuori dalla certezza del diritto che è fondamentale”

Come finirà al Collegio?

Se si applicherà il diritto questa sentenza dovrà essere annullata senza rinvio. Se invece dovessero subentrare decisioni paragiuridiche o metagiuridiche… la sentenza di condanna è metagiuridica in quanto è stata formulata in base a un capo d’imputazione che non c’era e una violazione disciplinare che non esiste”.

Se un domani il parlamento legiferasse che il furto non è più un reato e in alcune mie conversazioni telefoniche io dicessi che ho rubato merendine in panetteria o al supermercato, bene, se quei colloqui fossero intercettati io non potrei essere condannato perché non ci sarebbe più il reato. Le plusvalenze sono componenti di bilancio di qualsiasi società, anche di altri settori. Chi compra un immobile a 10 e poi per varie ragioni cresce di valore per arrivare a 50 fai una plusvalenza di 40 e la deve mettere a bilancio. Non è che la può mettere a bilancio: deve!”.

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie