lunedì, 20 Maggio 2024

Inchiesta Prisma, La Gazzetta dello Sport: “Ciro Santoriello non ci sarà in aula”. Il Pm escluso dal processo contro la Juve

Condividi

spot_imgspot_img

Dopo le clamorose dichiarazioni “anti Juve” del PM Ciro Santoriello, in seno al tribunale si sta valutando l’ipotesi di tenere lontano il magistrato dall’aula nell’udienza preliminare dell’Inchiesta Prisma del 27 marzo.

A rappresentare l’accusa dovrebbero infatti esserci gli altri due Pm, Mario Bendoni e Marco Gianoglio, come spiega

La Gazzetta dello Sport in un articolo firmato da Valerio Piccioni ne rivela i dettagli:

“I sussurri vanno tutti in una direzione. Il 27 marzo, nell’udienza preliminare presso il gup Marco Picco che dovrà decidere sul rinvio a giudizio di 12 ormai ex dirigenti juventini (e la società per responsabilità amministrativa), fra i quali il presidente fino allo scorso novembre Andrea Agnelli, il pm Ciro Santoriello non ci sarà. E non perché un provvedimento glielo vieterà ma semplicemente per ragioni di opportunità”.

È bene rimarcare che seppure il piano penale e quello sportivo dei procedimenti che riguardano la Juve sono disgiunti, ma è chiaro che un rinvio a giudizio potrebbe indirizzare anche la decisione sul ricorso bianconero al Collegio di Garanzia del Coni:

La decisione del Gup arriverà prima del pronunciamento del Collegio di garanzia presso il Coni sulla condanna shock del meno 15 decisa dalla Corte federale d’Appello. Le due giustizie, quella ordinaria e quella sportiva, sono autonome. Tanto che il cuore della sentenza sportiva riguarda la “slealtà”. Ma è inevitabile che le due “partite” in qualche modo comunicheranno e la risoluzione del dilemma rinvio a giudizio/non luogo a procedere rimbalzerà in qualche modo anche sul tavolo della “Cassazione sportiva” del Collegio di garanzia”.

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie