spot_img
spot_img
venerdì, 9 Dicembre 2022

Andrea Bosco: “La Juve è una cavia fatta oggetto di “attenzioni“ arbitrali senza precedenti nella storia. Le fanno pagare la vittoria dei nove scudetti di fila”

Condividi

Furia degli addetti ai lavori dopo la decisione arbitrale in Juve – Salernitana. Tra questi spicca l’editoriale di Andrea Bosco che invita sarcasticamente a “continuare pure con questo regolamento, con questo Var, con questi arbitri scarsi. Che applicano il “regolamento“ punendo addirittura non più l’infrazione, ma l’intenzione. Con questi varisti del cavolo che con la puzzetta sotto al naso nell’ansia di risultare “decisivi“ arrivano a sbagliare il tracciamento delle linee”.

Anche il giornalista pone la domanda delle domande: “Sicuri che Candreva (intenzione o meno di Bonucci e già qui siamo al patologico) non tenesse in gioco tutti sul gol di Milik? Secondo Sky, Candreva teneva in gioco tutti di almeno mezzo metro. “Il più clamoroso errore da quando il Var è stato introdotto“ ha spiegato Fabio Caressa”.

Riepilogando: “Marcenaro assegna il gol a Milik. Ma il Var segnala il fuorigioco e Marcenaro annulla. Solo che il fuorigioco non esiste, Candreva tiene in gioco tutti: di mezzo metro. Errore. Ai danni della Juve, guarda caso. E sapete cosa c’è che manda ai matti? Neppure si può invocare l’errore tecnico. Il Var non commette errori”.

Poi l’affondo del giornalista di Tuttojuve: “E’ una chiavica che non combina di turche ma non può essere sindacato. Quindi: cornuti e mazziati. Vergogna. Vergogna Rocchi. Vergogna Trentalange. Vergogna a tutti quelli che giustificheranno (e ce ne sono stati e ce ne saranno) la direzione di Marcenaro e il Var. Essendo stato espulso Milik (poteva risparmiarsi di togliersi la maglia) essendo stato espulso Cuadrado (con un salernitano), essendo stato espulso Allegri, con i danni anche le beffe. Troppe” .

Siamo al subliminale, secondo Bosco: “Arbitrare non significa tiranneggiare chi sta in campo. Altrimenti è inevitabile che finisca a donne di facili costumi. […] Ma niente può giustificare il comportamento di arbitri che si reputano dei Padri Eterni e che viceversa risultano degli “gnomi“ quanto a valore tecnico”.

“La Juve ormai per avere un gol valido ne deve fare almeno tre. Ho perso il conto dei gol, in questa stagione, annullati. Quello sanzionato a Bonucci non è ridicolo: è protervo. Una ingiustizia che fa dubitare. Le statistiche non mentono . La Juve ha subito dal Var in modo esorbitante. Fin dalla introduzione del Var”.

Il giornalista è un fiume in piena: “La Juve è una “cavia“ fatto oggetto di “attenzioni“ arbitrali senza precedenti nella storia. Quasi dovesse “pagare“ per una tirannia che le ha consentito di vincere nove scudetti di fila”, la denuncia finale del giornalista di fede bianconera.

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie