mercoledì, 27 Ottobre 2021

Champions League, Allegri: “Ecco i quattro che giocano di sicuro. Ho clausola Champions”

Condividi

Massimiliano Allegri ha parlato in conferenza stampa prima della sfida con il Chelsea.

Sulla formazione ho un po’ di idee… diciamo confuse! Domattina decido chi far giocare”, ha spaventato così i tifosi Allegri.

Poi annuncia: “A parte Ramsey tutti a disposizione, Rabiot è a disposizione. Sicuri in campo Szczesny, Locatelli e Alex Sandro. Domani gioca anche Danilo”.

Passando ai singoli, Allegri parla un po’ di tutti:

RABIOT – “La differenza nei giocatori, alla Juventus uno difficilmente può essere discusso. La differenza nella carriera passa nella testa, dall’obiettivo personale al servizio della squadra. Dalla voglia di migliorarsi e mettersi in discussione. Dagli allenamenti, dalla cattiveria che ci mettono. La carriera passa da lì, fa quello la differenza. Quanti giocatori bravi si sono persi? Perché mancava un pezzetto. Io fossi in lui sarei arrabbiato con me stesso, è il terzo anno qui, avrà fatto dieci gol in due campionati. Non esiste! Deve partire prima, calciare meglio…. sono tutte cose che deve migliorare. Credo che quest’anno lo farà”.

BERNARDESCHI – “Ha fatto una buona partita, ha ottime potenzialità inespresse. Ha un motore talmente importante a livello di gamba, che gioca ogni tanto da fantasista. Ma non è il suo ruolo. Deve fare partita di sostanza, ma poi arriva al tiro in un certo modo. Con la Samp buona partita, così come ha fatto quando è stato chiamato in causa. Tutto parte dalla testa, dalla cattiveria nel giocare nelle partite. Quando hai soprattutto la palla”.

BENTANCUR – “Una mia convinzione è sempre stata che Bentancur sia cresciuto tanto. Domenica poteva fare gol, ha fatto fare grande parata ad Audero. Da solo, per me, non può fare la regia di una squadra. Ha bisogno di una collaborazione. E Locatelli può dargliela e se la dividono. Locatelli non è pronto per farla da solo. Quando sono insieme possono arrivare al 100%”.

KEAN – “Responsabilità non ne deve avere. Deve giocare una partita e fare gol. Una cosa che sa fare è fare gol. Calcia bene, attacca bene la profondità, chiude bene l’azione. Deve migliorare quando deve giocare con la squadra. Sui controlli, la tecnica. Diciamo sui ruoli. Per l’età che ha, ha già una bell’esperienza”.

CHIESA – “Mi aspetto ciò che sta facendo e ancora meglio. Credo che abbia fatto molto bene perché per arrivare alla Juve e fare un’annata così non era semplice. Poi l’Europeo ha segnato gol decisivi e questo l’ha messo nella condizione in cui non è più un ragazzo, si è assottigliato il margine d’errore. La crescita non ha ampio raggio, ma s’è accorciato. Quest’anno è più importante e più difficile”.

Ho la clausola Champions! E’ un’ambizione, è un desiderio. Ognuno di noi deve avere un’ambizione, così si fanno cose eccezionali. Sarà una serata magnifica a prescindere da come finirà. Bisogna avere l’entusiasmo, la voglia, l’emozione di giocare queste partite. E’ questo che ti porta a fare cose straordinarie. Tutti lavorano per fare il massimo, solo così si arriva in cima. Porsi l’obiettivo di passare il girone… no, niente!

Il desiderio nostro è arrivare in finale, poi non so se ci arriveremo. Ma è un obiettivo che bisogna andare a prendere, uguale lo scudetto. E’ questo che fa la differenza, è ambizione personale, è amor proprio, per stare in una grande squadra. Non è poi che si può vincere sempre, perché è una cosa straordinaria. Però è quello. E’ il desiderio che dobbiamo avere”.

Condividi

Leggi anche

Ultime notizie