Cristiano Ronaldo sostituito: la sua reazione

851

Allegri nelle scorse ore aveva detto “Siamo un gruppo, stiamo diventando una squadra. Una squadra in cui i giocatori, tutti, stanno a disposizione dei compagni e accettano di buon grado le scelte dell’allenatore.

Scelte che ieri hanno portato Massimiliano Allegri a sostituire al 63′ il portoghese Cristiano Ronaldo nel corso della gara Juventus-Atalanta, l’ultimo test ad una settimana dall’inizio del campionato di Serie A, terminata 3-1.

Dopo aver giocato poco più di 60 minuti, l’allenatore bianconero ha richiamato in panchina Cristiano Ronaldo, per fare spazio a Weston Mckennie. Una decisione accettata da Ronaldo, che ieri ha giocato al servizio della squadra, come richiesto da Allegri.

Nessuna scelta punitiva, ma una decisione concordata in precedenza: “Era in programma di fargli fare 60 minuti e ne ha fatti 65. Ha gestito la palla, sta lavorando sereno, ha dichiarato a fine gara Allegri. E prova ne è il gol realizzato da Paulo Dybala che all’8’ del primo tempo, ha visto Ronaldo guidare il perfetto contropiede che ha portato la Juve al vantaggio, grazie al triangolo con Chiesa che ha servito l’argentino.

Una sostituzione accettata di buon grado da Ronaldo, che ha lasciato il campo ed è rientrato negli spogliatoi, senza passare dalla panchina. Non prima di aver scambiato un cenno d’intesa con Allegri. Qualcuno sostiene di aver notato una smorfia di disappunto, ma forse quella gliela si può concedere.