Pavan sul ‘caso Pjanic’: “Siamo al ridicolo, la spiegazione c’era già nel 2018”

124

Nelle scorse ore è tornata alla ribalta la partita Inter-Juventus del 2018 e in particolare il ‘caso Pjanic’, analizzato nel corso della trasmissione televisiva Le Iene.

A commentare l’interpretazione fornita dal programma televisivo, Massimo Pavan che su tuttojuve.com scrive:

“A pensar male ci vuole poco e ci vorrebbe poco. In questi giorni, alcuni investigatori degni del miglior Sherlock Holmes hanno deciso di andare a rivangare tutta la questione legata a Miralem Pjanic, Inter-Juventus stagione 2018, con episodi che tutti conosciamo e che non ha senso rivangare, anche se allora ci furono degli errori evidenti della terna arbitrale che non riuscì a gestire la gara in maniera efficace”, ha commentato Pavan che ha poi aggiunto:

“Oggi qualcuno cerca di alzare un polverone su episodi, uno in particolare, abbastanza semplici da interpretare, con l’arbitro Orsato che non mandò sotto la doccia Miralem Pjanic per un secondo giallo, valutando in maniera leggera un episodio che andava, probabilmente, giudicato con un’ammonizione”.

“L’episodio, tuttavia, è stra noto” aggiunge il giornalista “e le conversazioni segrete con la sala VAR non ci dicono nulla di particolare, anzi”.

“Già nel 2018, il Corriere dello Sport dava la versione che riteniamo essere corretta: “Le due persone in sala VAR informano il direttore di gara che l’intervento non è da rosso, confondendolo, questa indicazione ha mandato in tilt Orsato che, forse influenzato dalla tensione della partita, non avrebbe saputo cogliere il senso sottinteso e cioè “è solo da cartellino giallo“. L’arbitro veneto non ammonisce per la seconda volta il bosniaco, e il VAR non può correggerlo perché il protocollo prevede che non può intervenire in caso di ammonizioni. E la frittata si è quindi compiuta”.

E aggiunge: “Spiegazione semplicissima, Orsato non ritiene il fallo da rosso, non ammonisce subito e non può tornare indietro perché il protocollo non prevede il VAR per un cartellino giallo“.

Il giornalista conclude: “In sintesi, stiamo veramente parlando del nulla, o meglio si sta cercando, ancora una volta di trovare una spiegazione per qualcosa che era già noto a tutti tre anni fa, facendo chissà quali strane ipotesi e complotti. In quel match la Juventus vinse in modo fortunato, ma soprattutto grazie al suicidio tattico dell’Inter che regalò il match ai bianconeri, il resto sono tutte chiacchiere“.