La FIGC stronca Lotito e De Laurentiis: Stop alle multiproprietà nel professionismo

1130

Spuntano altre norme dai meandri della riunione del Consiglio Federale. Oltre all’introduzione di della norma anti-Superlega, è stata introdotta una importante modifica regolamentare inerente la multiproprietà.

Il Consiglio federale ha infatti approvato “le modifiche alla disciplina relativa alle acquisizioni nelle partecipazioni di società professionistiche. Tali modifiche sono ispirate all’esigenze di maggiore celerità negli adempimenti e ad un sistema ben definito di precetti e sanzioni”, si legge nella nota della FIGC.

Da ora in avanti Gravina ha vietato le partecipazioni plurime di controllo di club da parte dello stesso soggetto in ambito professionistico. Questo vale per tutte le categorie ivi comprese le società dilettantistica che dovessero salire in Serie C.

Una norma questa che funge da monito a Claudio Lotito che controlla Lazio e Salernitana e ad Aurelio De Laurentiis, che tramite la Filmauro controlla il Napoli e il Bari. Tale norma (secondo le notizie in possesso del portale Calcio e Finanza) tuttavia non dovrebbe avere effetti retroattivi, ma il messaggio ai due presidenti appare chiaro.