Per l’UEFA e Ceferin ora sono guai. Perez li porta davanti al tribunale Antitrust: “Ci siamo tutelati da chi ci ha minacciato”

2289

La SuperLega, dopo aver accusato il colpo, passa al contrattacco nella persona del suo presidente Florentino Perez (Real Madrid).

E lo fa attraverso le dichiarazioni rilasciate dallo stesso Perez in una lunghissima intervista concessa ad As.

Florentino Perez ha ribadito in premessa i vantaggi della Superlega per poi mandare un messaggio di fuoco a Ceferin: “Siamo stati costretti ad andare in tribunale, che ha emesso un provvedimento precauzionale che dice tutto. Ordina alla UEFA e alla FIFA, nonché alle leghe e alle Federazioni nazionali, di astenersi dall’adottare qualsiasi tipo di azione che impedisca la nascita della Superlega”.

“A mio parere, questa sentenza pone fine al monopolio dell’UEFA. Ma anche se è stata emessa martedì, mercoledì Ceferin ha continuato a minacciare. Le sue azioni vanno contro la libera concorrenza nell’Unione europea, e questo è qualcosa di molto grave. Il diritto comunitario proibisce il monopolio. E c’è una sentenza di un giudice che te lo dice chiaramente”.

Ma c’è di più: stando a quanto riportato dal Corriere della Sera, Perez vuole portare avanti una causa legale di fronte all’Antitrust, in cui accuserà la Uefa nel suo doppio ruolo di regolatore ed organizzatore degli eventi. Secondo il numero uno dei Blancos, infatti, l’organo capeggiato da Ceferin agirebbe in un regime di monopolio, impedendo alle squadre di creare altre competizioni.

Una cosa è certa: la Superlega esiste ancora ed ha sede in Spagna. European Superleague Company SL, questo è il nome della società che ha anche un capitale sociale già versato e che annovera ancora tra i membri almeno quattro squadre.

Perez ha concluso così: “I club non possono uscire. Alcuni, sotto pressione, hanno dovuto dire che se ne stanno andando. Ma questo progetto o un altro molto simile andrà avanti, e spero presto. Forse la soluzione sarebbe coinvolgere le prime quattro di ogni Paese, di certo c’è che 4 miliardi di persone seguono il calcio e la metà di loro tifano per club della Superlega”.

“Nei tre mesi di pandemia che ha colpito la scorsa stagione, i 12 club della Superlega hanno perso 650 milioni. Quest’anno, con la piena stagione della pandemia, le perdite andranno tra i 2.000 e i 2.500”.