Superlega, Agnelli: “Fifa e Uefa fanno grandi ricavi con i nostri giocatori ma non ci hanno aiutato nei momenti di crisi. Resterò alla guida della Juventus!”

5989

Il presidente della Juventus Andrea Agnelli racconta come stanno davvero le cose in merito alla creazione della Superlega anche alla luce dell’abbandono di alcuni club inglesi avvenuto nella notte.

Questi i passaggi determinanti dell’intervista concessa da Agnelli a Corriere dello Sport e a La Repubblica:

Agnelli spiega che il fine della “Superleague è quello di creare la competizione più bella al mondo capace di portare benefici all’intera piramide del calcio, aumentando la distribuzione delle risorse agli altri club e rimanendo aperta con cinque posti disponibili ogni anno per gli altri da definire attraverso il dialogo con le istituzioni del calcio”.

Inoltre il n. 1 bianconero smentisce le notizie diffuse dalla stragrande maggioranza dei media e conferma che non esiste “nessuna minaccia” e che “c’è piena volontà di continuare a partecipare a campionato e coppe nazionali. La tradizione del calcio risiede nei campionati domestici. Per noi i tifosi sono importanti e devono avere la possibilità, ogni domenica, di venire allo stadio”.

Agnelli precisa inoltre “Il bonus di 350 milioni di euro all’anno è falso. Noi rimaniamo nelle competizioni domestiche, andremo a giocare in ogni stadio d’Italia, di Spagna e d’Inghilterra”.

Agnelli precisa inoltre cheil nostro lavoro resterà intrinsecamente legato alle competizioni domestiche. L’alimentazione dei settori giovanili viene mantenuta. Ogni settimana daremo ai tifosi le partite dei campionati nazionali e di una nuova competizione, capace di avvicinare le generazioni più giovani che si stanno allontanando dal calcio”.

Teniamo il dialogo aperto con istituzioni, Fifa e Uefa. Ciò che stiamo facendo è perfettamente legale. Stiamo esercitando una libertà prevista dal Trattato dell’Ue. E questo è molto importante”.

E ancora: “Credo che non si sia capito qual è stato l’impatto della pandemia nel mondo del calcio, al punto che nel budget 2021-2022, che è stato presentato nel dicembre 2020, i presupposti che Uefa ha fatto sono da brividi. Bisogna tener presente che l‘Uefa gestisce i nostri diritti, li vende, decide quanti che ce ne redistribuisce e ci regola pure. Senza affrontare alcun rischio economico. Ed inoltre è un nostro rivale. Mi pare un aspetto di grande valore per un’industria da 25 miliardi di euro. Fifa e Uefa fanno grandi ricavi con i nostri giocatori ma non ci hanno aiutato nei momenti di crisi. Devono scegliere: o fanno i regolatori o i promotori commerciali”.

Agnelli rivela inoltre di aspettare di “aprire il negoziato con Fifa e Uefa, in caso contrario ci sarà un confronto su ragioni tecnico-legali”.

Infine la conferma: “Sono saldo alla guida della Juventus! Chi afferma il contrario mi porta bene”.