Juve, il mea culpa di Padovan:​”Devo ammettere, con sincerità totale, che su di lui mi sbagliavo”

661

La superba prestazione di Gigi Buffon contro il Napoli ha scombinato i piani dell’allenatore Andrea Pirlo e della dirigenza bianconera dubbiosa sul rinnovo contrattuale dell’ormai quarantatreenne portiere.

Gli addetti ai lavori stessi sono stati costretti a ricredersi sulla capacità di Buffon di reggere ancora l’urto della Serie A. Tra questi c’è Giancarlo Padovan, che nel suo editoriale scrive:

“​Devo ammettere, con sincerità totale, che sono sempre stato contrario al ritorno alla Juventus di Gianluigi Buffon, 43 anni compiuti il 28 gennaio. Né le sue nove presenze in campionato, l’anno scorso, mi avevano fatto cambiare idea”, scrive in premessa il giornalista per calciomercato.com.

“Altresì trovavo irragionevole la sua richiesta di un prossimo rinnovo del contratto con l’assicurazione non tanto di giocare da titolare, ma di essere messo alla pari di Wojciech Szczesny, dodici anni più giovane di Buffon, in modo da potergli contendere il posto. Ovviamente – come spesso capita – mi sbagliavo su Buffon…”, ammette Padovan facendo un autentico ‘mea culpa’.

“Buffon oggi è meglio di Szczesny. E non lo dico perchè con almeno tre parate fondamentali ha salvato la Juventus contro il Napoli, ma perché ha una reattività e un’attenzione superiori a quelle del polacco. Una forma fisica invidiabile. Una voglia di competere senza eguali. È un portiere vero, non uno che sta svernando”.