Vieri: “Juve, chi la critica e basta non ha capito nulla. Hanno comprato pensando al futuro”

174

Christian Vieri ha parlato ai microfoni della Gazzetta dello Sport commentando la lotta scudetto i cui giochi sembrano davvero fatti dopo la sconfitta della Juve con il Benevento.

L’Inter è molto più quadrata, determinata, pronta. E anche bella, da un po’. Come il Milan: il calcio è il gioco del diavolo, in dieci partite può succedere tutto. Oggi il Milan è dietro di sei punti: sono due partite, fa bene a crederci. Dopo una batosta, si sono sempre rialzati: sconfitta con il Manchester di giovedì sera e grande vittoria a Firenze”, ha spiegato Vieri.

Sulla Juventus, l’ex bomber della nazionale italiana di calcio, non ha dubbi: Se vinci nove scudetti di fila, prima o poi uno lo perdi. Poteva essere l’anno scorso o l’anno prossimo, ma doveva succedere. Ed è successo a Pirlo. Giocare meno o non essere quelli di dieci anni fa, come Buffon e Chiellini, è fisiologico”.

Ma nonostante chi critica e basta – io li chiamo “quelli che non sanno” – non guardi queste cose, la Juve ha anche comprato pensando al domani. Chiesa è futuro. Kulusevski, Mc Kennie e Arthur sono futuro. De Ligt, Demiral, Bentancur: futuro. Tutti dovrebbero pensare al futuro quanto al presente, non solo la Juve”.​

Vieri dice la sua anche sull’affare Ronaldo: “Prendere un giocatore non significa vincere la Champions in automatico: servono uno squadrone e anche fortuna. Con lui c’erano più possibilità, non la certezza di riuscirci: Messi non la vince da sei anni, il City e il Psg non ci sono ancora riusciti”.