Juve-Inter, da Mario Sconcerti bordate a Conte e apprezzamenti a Pirlo

647

Mario Sconcerti ha commentato a caldo la gara di Coppa Italia tra Juventus-Inter: quello dell’editorialista del Corriere della Sera è stato un articolo di critica nei confronti di Antonio Conte e di lode per Pirlo:

“Quando gioca Bernardeschi è sempre un messaggio di pace per gli avversari. Ci sarà accademia, non lotta. Quando gioca Eriksen dall’altra parte è la stessa cosa”, scrive in apertura Sconcerti.

Personalmente tendo a pensare con cattiveria che Conte abbia voluto coinvolgere Eriksen nell’uscita dalla Coppa, come una conferma alle sue tesi sui limiti del giocatore. Chiudere la riabilitazione costruita dopo il gol nel derby. Se così fosse avrebbe avuto ragione, Eriksen ha battuto, non bene, tutti i calci piazzati dell’Inter, nessuna cosa oltre”, certifica il giornalista.

Sconcerti non ha dubbi: “Nel suo mare calmo la partita ha visto tre conclusioni in porta di Ronaldo, non una reale dell’Inter”.

Passando all’allenatore bianconero, Sconcerti scrive: “Bravo Pirlo a trovare le idee giuste per gestire senza difficoltà, nonostante la brutta gara di Kulusevski e la solita inconsistenza di Bernardeschi”.

Ma ha inventato Alex Sandro terzo centrocampista non avendo alternative. Piace Pirlo per la disinvoltura con cui gestisce cambi di fase anche profondi senza dar loro importanza, senza il dramma continuo di Conte che costa alla fine anche il secondo obiettivo annuale”.