Andrea Bosco: “Nessuno ne ha parlato, ma la “solare spinta“ subita dal giocatore dell’Inter nell’area del Parma, è identica a quella subita da Bernardeschi nell’area del Verona”

76

Il giornalista e scrittore di fede bianconera, Andrea Bosco, dopo aver commentato la vittoria della Juventus sullo Spezia (“Pirlo dovrà lavorare per far trovare equilibrio ad una squadra che sembra votata all’estemporaneità”), ed avere ancora una volta sottolineato che la Juventus ha un problema a centrocampo (“La propensione alla regia sta tutta nei piedi di un calciatore (Arthur) che verticalizza solo rasoterra. Tutti gli altri sono onesti operai specializzati”), ha speso qualche parola sul Var ed il fuorigioco.

Oggi quasi annullavano a Morata l’ennesimo gol. La petulanza del Var sul fuorigioco si somma alla discrezionalità degli arbitri per fasi di gioco che sovente sono identiche, ma che vengono giudicate in modo diverso da arbitro ad arbitro”.

Alla faccia “delle ritrovata serenità“ (della quale aveva scritto l’ex fischietto Casarin), dal Meazza ha tuonato Marotta lamentando un rigore non assegnato in Inter-Parma . Facendone una questione generale e segnalando anche le assurdità viste in Milan – Roma”.

Nessuno praticamente ne ha parlato, ma la “solare spinta“ subita dal giocatore dell’Inter nell’area del Parma, è identica a quella subita da Bernardeschi nell’area del Verona.

E ancora: “Il fallo che è costato il “rosso“ a Chiesa a Crotone è identico a quello che a Genova è costato solo il “giallo“ a Lautaro Martinez”.

E infine: “Il gol convalidato a Perisic per un questione millimetrica è simile a quello annullato (per pari millimetricità) a Morata in Juve – Verona . Chi segue questa rubrica sa che avevo predetto quanto sta accadendo.