Marcello Lippi: “Da Pirlo mi aspetto una Juve dominante sul campo”

33

Il rallentamento della trattativa per Dzeko, causato dalla situazione di stallo tra Milik e la Roma, ha spinto la Juventus ad affondare il colpo per riportare in bianconero l’attaccante dell’Atletico Madrid, Alvaro Morata, per metterlo subito a disposizione di Andrea Pirlo.

A commentare la scelta della dirigenza bianconera ricaduta su Morata, l’ex allenatore Marcello Lippi, ai microfoni di Radio Bianconera:

“È un bravo attaccante, che è la cosa più importante, poi ha già giocato con Cristiano Ronaldo. Nella Juventus ha un feeling importante con l’ambiente, quindi c’è da avere fiducia.

Dzeko e Milik? Mi sono fatto l’idea che si siano portati avanti dei programmi, delle trattative. Probabilmente erano convinti della validità di queste scelte, ma poi sono sopraggiunti problemi economici e non è stato possibile portare a termine gli affari. Non so se ci sia stata l’influenza di De Laurentiis, non lo possiamo sapere”.

Lippi ha poi espresso un commento su Andrea Pirlo:

“L’ha detto anche lui di non voler fare copia/incolla da nessun allenatore che ha avuto in passato. È un ragazzo che ha le sue idee, ha una capacità comunicativa notevole, idee di calcio all’avanguardia, per cui mi aspetto una Juve dominante sul campo, che terrà palla il più possibile e cercherà di recuperarla subito quando la perde.

Per avere capacità comunicativa non è fondamentale parlare tanto. È un ragazzo che, contrariamente a quanto molti abbiano sempre pensato vedendolo taciturno, è molto socievole. Sa quanto sia importante parlare con i propri compagni di lavoro e poi ha le idee molto chiare“.