Riapertura stadi, Juve beffata. Tuona l’amministratore delegato della Lega Serie A, De Siervo: “Situazione surreale, il caos regna ancora sovrano”

530

L’amministratore delegato della Lega Serie A, Luigi De Siervo, definisce surreale la situazione attuale che si è creata in merito alla riapertura parziale degli stadi, e parla di caos che “regna ancora sovrano”, “al netto delle deroghe concesse oggi dalla Regione Emilia Romagna”.
Decisione, quella presa dalla Regione Emilia Romagna che sa di beffa nei confronti della Juventus, perché i bianconeri erano stati il primo club a chiedere la riapertura parziale dell’Allianz Stadium per la prima partita di campionato contro la Sampdoria.

Dapprima con una proposta del 20% della capienza dell’Allianz Stadium e poi di sole 1000 persone. In entrambi i casi però niente da fare.

La Lega Serie A chiede per il rispetto che meritano la nostra industria e i nostri tifosi, che al più presto si faccia chiarezza sulla riapertura dei nostri stadi, seppure parziale e condizionata al rispetto delle condizioni di sicurezza per il pubblico”, tuona De Siervo.

La situazione che stiamo vivendo, alla vigilia della partenza della nuova stagione – dice De Siervo – è surreale. Abbiamo presentato a luglio un protocollo dettagliato di oltre 300 pagine per la riapertura parziale in massima sicurezza degli stadi, dettagliando per ciascun impianto le modalità attuative di ingresso, permanenza e deflusso dei tifosi. Al netto delle sacrosante deroghe concesse dalla Regione Emilia Romagna oggi, alla ripartenza del campionato, il caos regna ancora sovrano”.