Chiellini su Pirlo: “Lui l’ambiente lo conosce. Se fino a qualche settimana fa era Andrea, ora per noi è il mister”

48

Da sabato sono riuniti a Coverciano tutti e 37 i convocati dal commissario tecnico della Nazionale Italiana, Roberto Mancini, in vista dei primi due impegni degli azzurri in Nations League, contro la Bosnia il 4 settembre e contro l’Olanda il 7 settembre.

Tra i convocati anche il capitano Giorgio Chiellini, che nel corso della conferenza stampa di presentazione della nuova maglia degli azzurri, ha commentato anche della nomina di Andrea Pirlo ad allenatore dei bianconeri.

Le parole di Chiellini:

L’allenatore è l’allenatore. Bisogna resettare il rapporto passato. Per noi è il mister, se fino a qualche settimana fa era Andrea, ora è un altro discorso. Ci sono i ruoli e le gerarchie sono giuste.

Consiglio ad Andrea? Faccio fatica a dire che errore non deve fare… Anche il paragone con Sarri, età diverse ed esperienze diverse, non è corretto. Lui l’ambiente lo conosce.

Se facessi l’allenatore della Juve, non avrei le basi perché non ci ho pensato, ma conoscerei tutte le persone che mi circondano. Non è semplice capire le tempistiche giuste e corrette che si devono dare”.

Chiellini ha poi commentato l’esito della scorsa stagione e ha espresso parole di stima per Maurizio Sarri:

“Credo sia stato un anno davvero complicato e le vicissitudini esterne hanno aumentato queste difficoltà. Credo che siamo stati tutti molto bravi, nonostante queste difficoltà, ad arrivare a raggiungere lo scudetto. Sembra scontato ma non lo è affatto.

Volevamo fare un altro tipo di campionato e crescita, ma sono certo e convinto nel dire che ce l’abbiamo messa tutta, tutti.

Maurizio è una persona vera e nessuno di noi può dirgli niente. Ne sono uscite di tutti i colori com’è normale che sia, da parte nostra c’è grande rispetto. Non ha senso altro, se non questo grande rispetto per la persona che è“.