Ora il popolo dei tifosi si schiera con i club e scarica l’Uefa: Sul web impazza l’hashtag CeferinOut

935

Superlega, il sentimento popolare dei tifosi pare che stia vivendo un inversione tendenza da qualche ora a questa parte, nonostante la campagna mediatica portata avanti dai giornali per attaccare Andrea Agnelli, Perez ed i rispettivi club.

Non è piaciuta l’arroganza messa in piedi dal presidente dell’UEFA, Aleksander Ceferin, il quale è stato smascherato anche dai tifosi che hanno avuto modo di attestarne la tirannia con la quae gestisce l’Uefa ai danni di club.

In poche ore Ceferin è passato dalla ragione al torto: a testimoniarlo sono i social, autentico termometro dello stato d’animo dei tifosi che hanno fatto montare la protesta su Twitter dove è praticamente andato in tendenza l’hashtag CerferinOut.

Virgilio ha raccolto alcuni dei commenti dei tifosi: “Vedo che CeferinOut è trending topic in Italia, in Spagna e sta salendo anche a livello globale. Forse, e dico forse, le minacce non piacciono molto. Un modo non troppo “popolare” di sfruttare un ruolo di tale importanza”.

E ancora: “Qualcuno si è rotto le scatole di certe parole e atteggiamenti….”, oppure: “Ceferin vuole la voce del popolo? Quella dei tifosi? Eccola: dimissioni!”.

Qualcun altro ironicamente scrive: “Ceferin: “Tutti quelli che usano CeferinOut saranno sospesi da Twitter entro domani mattina”.

Infine: il calcio europeo non merita di essere guidato da persone livorose e vendicative, che non perdono occasione di insultare in modo vergognoso, anziché cercare di mediare le posizioni iniziando a dare risposte ai club per far fronte alla crisi del sistema”.